Pithaya o Frutto del Drago – da Agosto a Novembre –

6,0012,00

Svuota
COD: N/A Categoria:

Descrizione

Color lilla rosa fuori e dentro bianco o rosa

al pezzo

piccolo fino a 200 gr  6 euro

fino a 350 gr    8 euro

fino a 500  9 euro

da 500-800  12 euro

Pitaya o Dragonfruit: 

Il dragon fruit, o pitaya, è il frutto delle piante del genere Hylocereus. Ricchi di ferro, vitamina E e fosforo, sono utili per combattere i radicali liberi.

Pitaya, Dragon fruit, Frutto del drago, Dragon Crystal: parliamo dei frutti di Hylocereus undatus, Hylocereus costaricensis, e Hylocereus megalanthus; dei cactus visivamente assai simili ad una palma che producono un frutto dall’aspetto molto esotico.

Il dragon fruit ha una forma ovoidale, di circa 10 centimetri, e la bianca polpa trapunta di piccoli semi neri è racchiusa in una buccia viola orlata di brattee verdognole molto decorative.

Talvolta la polpa può essere anch’essa violacea ed esiste una variante a buccia gialla con brattee meno appariscenti. Il sapore è tenue e delicato, lievemente floreale e molto acquoso, al punto da poter ricordare un po’ il cetriolo.

Dragon fruit, alleato di…

Intestinopelle, sistema cardiovascolare, sistema nervoso, sistema immunitario generale.

Calorie, composizione nutrizionale e proprietà del dragon fruit

Il dragon fruit contiene 60 kcal ogni 100 g.

Nei semi (dai quali viene estratto un olio) troviamo una rilevante concentrazione di acidi grassi e di vitamina E; ha inoltre rimarchevoli percentuali di vitamina C, vitamina B1, di ferro e fosforo.

Ha buone capacità antiossidanti, ideali per combattere i radicali liberi. I suoi specifici carboidrati, sono ideali per accrescere la salute dell’intestino.

È di aiuto nei casi di diabete, dimostra capacità cicatrizzanti e antinvecchiamento agendo direttamente nelle cellule della pelle. I suoi antiossidanti hanno inoltre un’azione anticancro e antistress.

Curiosità

Come tutti i cactus è originario delle Americhe ed è un parente del ficodindia.
In Cina, dove fu introdotto subito dopo la sua scoperta, circolava la leggenda che fosse un uovo di drago o che fosse prodotto dal solidificarsi del fuoco di un drago.

Storia del dragon fruit

Originario del Messico e delle Ande settentrionali, faceva parte della dieta dei popoli precolombiani e i suoi semi sono stati trovati in siti antichi più di duemila anni.

Subito dopo la sua scoperta da parte degli europei è stato introdotto con successo in Asia, dove adesso si concentra maggiormente la sua produzione, specie in Cina (dagli olandesi) e in Vietnam (dai francesi). Tuttavia si è ben adattato anche alle Isole del Pacifico e possiamo trovarlo dall’Indonesia alle Hawaii.

 

 

Informazioni aggiuntive

Peso Gr

fino a 200, 201 – 350, 351 – 500, 501-800 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Pithaya o Frutto del Drago – da Agosto a Novembre –”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *